La gestione di un ente associativo richiede conoscenze e competenze che un tempo manco si potevano immaginare. La consapevolezza che operare nei confronti dei cittadini comporta responsabilità di vario tipo è diventata ormai talmente ovvia da stupirsi per le eventuali riserve che qualcuno ancora ritiene di avanzare. Il bene dev’essere fatto bene è uno slogan che non rileva solo per l’aspetto morale: occorre attenersi e rispettare norme che sono emerse gradualmente negli anni. Ne prendiamo atto e ci adeguiamo con l’informazione, la formazione, il comportamento coretto, secondo parametri che le stesse legislazioni impongono. Per fare bene il bene, oggi, non basta più la dedizione, la buona volontà, la generosità, occorre conoscenza e competenza.

Una telefonata …

E’ arrivata questa richiesta. Buon giorno, Tarcisio, volevo chiederti: se un membro dei  consiglio si comporta male, posso ritirargli il mandato? Attendo risposta. Questa è la risposta. Bella domanda. Il fatto è che l’elezione del consigliere è stata fatta dall’Assemblea, non da te. Perfino l’elezione a qualche carica dovrebbe essere stata fatta...

Continua a leggere

Il NOI non è mai un problema

Verona Fedele 7 agosto 2016 Si va d’accordo solo camminando insieme, con verità e carità Noi, un problema? No, un ente associativo non è mai un problema. Problematiche sono le persone, particolarmente quando nell’associazione qualcuno costruisce un territorio di riserva personale dove esercitare una leadership che va bene perché c’è...

Continua a leggere

Considerazioni sul defibrillatore #2

La storia diventa “infinita” perché nello stesso giorno di decorrenza della legge, il Governo rinvia la scadenza di altri 4 mesi: novembre 2016. Non è che le cose possano cambiare in meglio. Tuttavia…. pare che nella testolina di chi sta in alto si sia insinuata qualche perplessità. Qualcuno (le società...

Continua a leggere

allenamento sport

A 9 anni muore durante l’allenamento di calcio

Riflessioni sul certificato medico per le attività sportive non agonistiche: a 9 anni si accascia al suolo durante l'allenamento di calcio, muore in ospedale. La procura apre un fascicolo con l'ipotesi di omicidio colposo iscrivendo il medico sportivo, che ha rilasciato il certificato medico a Marco Calabretta, nel registro degli...

Continua a leggere