La gestione di un ente associativo richiede conoscenze e competenze che un tempo manco si potevano immaginare. La consapevolezza che operare nei confronti dei cittadini comporta responsabilità di vario tipo è diventata ormai talmente ovvia da stupirsi per le eventuali riserve che qualcuno ancora ritiene di avanzare. Il bene dev’essere fatto bene è uno slogan che non rileva solo per l’aspetto morale: occorre attenersi e rispettare norme che sono emerse gradualmente negli anni. Ne prendiamo atto e ci adeguiamo con l’informazione, la formazione, il comportamento coretto, secondo parametri che le stesse legislazioni impongono. Per fare bene il bene, oggi, non basta più la dedizione, la buona volontà, la generosità, occorre conoscenza e competenza.

Registro dei Volontari

Forniamo alcune riflessioni sulla questione dei Volontari, previsti nel Codice della Riforma del Terzo settore D.Lgs. 117 del 3 luglio 2017, aggiornato alle modifiche apportate dal D.Lgs. 3 agosto 2018, numero 105, riportandone gli articoli 17 e 18. Di seguito, a commento, si allega la Relazione illustrativa sulla quale le...

Continua a leggere

Una storia che potrebbe interessare

Una mamma iscrive il figlio all’Oratorio, al Grest, a un’attività qualsiasi. Il Circolo deve limitarsi a presentare il modulo da compilare e sottoscrivere. La signora compila la domanda, firma come genitore, firma la privacy. Il documento sarà conservato diligentemente nell’archivio. Il Circolo non ha né diritto né dovere di entrare...

Continua a leggere

Siamo volontari, facciamo del bene, …

Pillola #13  Succede spesso, anzi, quasi sempre, che dopo quaranta minuti di intervento rivolto agli operatori (responsabili, animatori e volontari di circolo) sulla necessità di rispettare le norme, la correttezza, la trasparenza e la democraticità, interviene il bastian contrario indignato che se la prende con lo Stato, la Pubblica amministrazione,...

Continua a leggere

Tutti Samaritani #15

pillola #15 Qualche settimana fa concludevo un intervento pubblicato su “Avvenire” con riferimento al “Terzo settore” e all’attenzione che responsabili, dirigenti, operatori e volontari dovrebbero avere nei confronti della cosiddetta “riforma” che sta impegnando il nostro tempo, l’attenzione, lo studio. Questo il brano conclusivo, che termina con le prime parole...

Continua a leggere

Materassi, pentole, corsi e varie

Pillola #08  Tutti lo fanno. Tutti dicono che lo fanno da per tutto. Anzi, dicono di farlo in tutti i circoli NOI. “500 euro” per una serata di promozione “materassi”. La voce gira, e desta interesse. In Segreteria si danno informazioni, poi ciascuno fa quello che vuole. Tutti lo fanno....

Continua a leggere

Registrazione Statuto Conformato al CTS

Con Legge 28 giugno 2019 n. 58 (art. 43, co. 4-bis) “semplificazione degli adempimenti per la gestione degli enti del Terzo settore“, il Governo è intervenuto sul Codice del Terzo settore, aggiungendo un anno di proroga all’adeguamento degli Statuti per gli enti che intendono aderire alla riforma. “In deroga a...

Continua a leggere

paura

Riforma del Terzo Settore – paura parte III

Pillola #6  Se alla fine del secondo millennio la costituzione di circoli NOI era vista come opportunità, oggi, con l’evoluzione normativa riferita agli enti associativi e con l’introduzione della riforma del terzo settore (che non è solo associazionismo) emerge qualche interrogativo. In effetti dal 1983 (quando ho accettato di occuparmi...

Continua a leggere

Riforma del Terzo Settore – paura parte II

Pillola #05  Parlo degli enti associativi spaventati dalla Riforma del Terzo settore, che stanno elaborando come uscire da questa specie di “trappola”. Più ci studio, più mi convinco che la riforma è la soluzione dei problemi del Terzo settore. Dall’ultimo decennio del secolo/millennio scorso il mondo “no profit” è diventato...

Continua a leggere

Riforma del Terzo Settore – paura parte I

Pillola #04  Trovo sorprendente la reazione di tanti responsabili di circolo NOI che alla presentazione della Riforma, con richiami a norme specifiche obbliganti e stringenti, esprimono atteggiamenti di rifiuto e di sdegno: “ma allora non si può più fare niente!”, “beh, se le cose stanno così, è meglio chiudere il...

Continua a leggere