Ancora nessun commento

Emissioni sonore nei Grest, autorizzazioni, permessi e divieti

Si segnala il caso di un GREST che non avendo rispettato il divieto di emissioni sonore durante il riposo pomeridiano (dalle 13 alle 15) è stato segnalato alla Polizia Municipale, la quale è intervenuta urgentemente, come previsto dal Codice penale, e con riferimento all’articolo 659 ha emesso verbale di accertamento, trasmesso all’Autorità Giudiziaria (Tribunale) per l’applicazione delle sanzioni: arresto fino a tre mesi o ammenda fino a euro 309,00, e con ammissione alla oblazione ai sensi dell’articolo 162-bis del codice penale.

Nelle procedure che prevedono ammenda alternativa all’arresto, il contravventore può essere ammesso, a seguito di esplicita (e urgentissima) domanda al Tribunale, a pagare, prima dell’apertura del dibattimento giudiziario, o prima della pronuncia del decreto di condanna, una somma corrispondente alla metà del massimo dell’ammenda stabilita dalla legge per la contravvenzione commessa, oltre alle spese del procedimento, se avviato.

Se il contravventore risulta recidivo, la possibilità di ammenda non è riconosciuta.

Qualcuno potrebbe pensare che per la metà di 309 euro, cioè di appena 154,50 euro, non sia il caso di prendere spavento. Invece, si tenga a mente che l’accesso al Tribunale Penale, anche solo per presentare la domanda di ammissione all’ammenda, richiede l’assistenza di un avvocato penalista, il cui costo può ammontare anche a decine di volte il minimo da versare.


aggiornamento, 7 giugno 2017

Autorizzazioni, permessi e divieti

La diffusione di musica registrata o dal vivo negli ambienti di svolgimento del Grest, o comunque quanto la diffusione sonora avviene all’esterno occorre:

  1. l’autorizzazione del comune “ufficio ambiente” e rispettare gli orari: 9.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00
  2. moderare i volumi per non importunare il vicinato
  3. le emissioni sonore non devono superare i 100 decibel
  4. aver versato i diritti SIAE (accertare che il Circolo abbia pagato l’abbonamento annuale SIAE per la musica d’ambiente) – vedere accordo quadro SIAE-NOI

Se in Municipio arrivano lamentele dei cittadini, il Comune è obbligato a far intervenire i vigili urbani, che stendono un verbale, se il circolo non è autorizzato, la musica deve spegnersi immediatamente e seguiranno le sanzioni.

I Circoli NOI con sede nel Comune di Verona che svolgono l’attività Grest nella propria sede (esterno-interno), non devono chiedere il nulla osta per emissioni sonore al comune, perché destinatari della seguente delibera:

ART. 16 BIS "Comune di Verona"
 ATTIVITÀ ESTIVE LUDICO RICREATIVE PER RAGAZZI
1.Per lo svolgimento di attività estive ludico ricreative per ragazzi (grest parrocchiali e centri estivi ricreativi o similari), è consentito l’uso di impianti elettroamplificati di potenza inferiore a 300 W, nei giorni feriali, dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
2. Le attività con caratteristiche diverse da quelle indicate nel comma 1, sono soggette ad autorizzazione in deroga rilasciata dalla Direzione Ambiente.

vedi “Regolamento Comunale per la disciplina delle attività rumorose

 

Print Friendly, PDF & Email

commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.